Fiorentina

Fiorentina, problemi per Lafont: a rischio per il Napoli

Fiorentina

Fiorentina, infortunio Lafont: il portiere rischia lo stop contro il Napoli

FIORENTINA – Dopo il buon avvio di stagione, arriva la prima cattiva notizia per la Viola. Alban Lafont è stato costretto ad abbandonare il campo alla fine del primo tempo della gara contro l’Udinese. La squadra di Stefano Pioli, giocando il secondo tempo con il secondo Dragowski, ha comunque portato a casa la vittoria, ma ora c’è apprensione per le condizioni del giovane portiere francese. Lo stop non dovrebbe essere troppo lungo, ma Lafont dovrà sottoporsi ad esami strumentali, e rischia di non poter essere arruolabile per la prossima gara contro il Napoli.

LAFONT – Le prime due uscite con la maglia della Fiorentina erano state positive per l’ex Tolosa, considerato uno dei giovani portieri più promettenti del panorama europeo. La sosta per le nazionali darà tempo e modo all’estremo difensore di recuperare, ma essendo soltanto ad inizio stagione, la politica più consigliabile sembra quella della cautela. Anche in caso di recupero dunque, Pioli potrebbe decidere di affidare i pali al polacco Dragowski contro il Napoli. Il primo obiettivo è quello di scongiurare uno stop troppo lungo.

DRAGOWSKI – Potrebbe dunque arrivare un primo banco di prova per Bartlomiej Dragowski. La promessa della Polonia, e forse anche Marko Pjaca, si misurerà per la prima volta contro un’avversaria temibile. A lui spetterà il compito di negare la gioia del gol al connazionale Milik, rimasto a bocca asciutta nella brutta sconfitta sibita dalla Sampdoria. Contro il Napoli i viola puntano ad un altro risultato positivo per continuare al melgio questo ottimo avvio di stagione.

Ecco il comunicato ufficiale della Fiorentina sull’infortunio:

“Acf Fiorentina comunica che il calciatore Alban Lafont ha dovuto lasciare il campo al termine del primo tempo, a causa di un problema muscolare a carico del bicipite femorale della coscia destra. Il calciatore nei prossimi giorni svolgerà gli esami per valutare meglio l’entità dell’infortunio”.

Leggi anche