Fiorentina

News Fiorentina – Clamorosa ipotesi di un ritorno in dirigenza

Fiorentina

Il dirigente ha già lavorato in viola in un periodo molto importante per la compagine toscana. Oltre lui diversi nomi.

News Fiorentina – E se fosse Eduardo Macìa l’uomo che potrebbe affiancare Daniele Pradè la prossima stagione? L’ipotesi clamorosa è stata svelata dal Corriere dello Sport secondo cui lo spagnolo potrebbe tornare in riva all’Arno. Voce non confermata ma clamorosa. Macìa è già stato direttore tecnico a Firenze a partire dall’autunno 2011. Dapprima come direttore dell’area tecnica per le giovanili. In seguito, con l’arrivo di Daniele Pradè nel 2012, è diventato direttore tecnico al suo fianco. Con il ciclo montelliano, lo spagnolo e il romano hanno fatto della Fiorentina una grande squadra. Solo per sfortuna la viola, in quel periodo, non è riuscita a vincere niente.

Non solo Macìa

Certo il profilo dell’iberico scalderebbe i cuori dei tifosi viola che hanno già imparato a conoscerlo. Ma sarebbe l’ennesima minestra riscaldata e Firenze ne ha già viste troppe. Ecco perché Commisso si guarda intorno e cerca profili giovani da inserire nell’organico. Proprio il presidente gigliato, si è lasciato andare ad una battuta al termine della finale di Coppa Italia Primavera vinta dai suoi ragazzi. “Io sono per le persone giovani”, ha detto in sostanza il tycoon italo-americano. Ecco quindi che sono usciti fuori i nomi di Pietro Accardi, attuale DS dell’Empoli, e di Roberto Goretti, ex dirigente del Perugia.

Pradè confermato?

Resta in bilico la posizione dell’attuale DS Daniele Pradè. Le ultime due annate non hanno convinto molto i tifosi. Stando a quanto scritto sui social dai supporters, il dirigente romano sarebbe responsabile di aver operato male sul mercato in queste ultime sessioni. Da qui la volontà di vederlo lontano da Firenze. Ma Commisso riflette: potrebbe tenere l’ex dirigente di Roma e Sampdoria affidandogli un altro incarico. Del mercato si occuperebbe uno dei profili giovani sopracitati. La scelta del nuovo dirigente è importante. Se prima non si deciderà come sistemare il quadro dirigenziale, è difficile vedere il nuovo tecnico sulla panchina toscana. 

Leggi anche