Italia

Europei 2021 – Le leggende caricano l’Italia, tutti uniti sotto il tricolore

Italia

Una carica incredibile intorno alla Nazionale italiana, che dopo 5 anni tornerà a giocare una grande manifestazione.

Mancano ormai poche ore all’esordio della Nazionale italiana agli Europei. Gli azzurri, guidati dal commissario tecnico Roberto Mancini, scenderanno in campo questa sera allo Stadio Olimpico di Roma nella sfida inaugurale contro la Turchia valida per il Gruppo A. Nel frattempo l’ambiente trasmette tanta carica ai calciatori e a tutto lo staff, si vogliono ritornare a vivere  notti magiche, come non se ne vivono dall’ormai lontano Berlino 2006.

Le parole di Lippi

Marcello Lippi, CT Campione del Mondo nel 2006, ha detto la sua su questa Nazionale: “C’è l’ambizione di andare in alto, ci sono basi solide. Se poi avrà la fortuna che tutti i suoi giocatori siano al top, che la condizione sia ideale, allora niente sarà precluso.

Di giocatori decisivi ne vedo due. Uno è sicuramente Barella, l’ho già detto, mi piace quello che fa, come gioca, come lotta. È un centrocampista dalla dimensione internazionale perché fa tutto quello che fanno i grandi del suo ruolo: attacca, difende, fa pressing, accompagna l’azione, tira da fuori, accelera, insomma è il prototipo del grande centrocampista internazionale. L’altro è Immobile.

Mancini ha fatto davvero tanto. Ha dato grandissima convinzione alla squadra, propositività, un gioco offensivo, fiducia nei giovani. Questa Nazionale sa di essere forte e, soprattutto, sa come si vince“.

Parla Donadoni

Anche l’ex ct Roberto Donadoni ha voluto parlare dell’Italia: “Non mi sembra ci sia un singolo che spicca sugli altri, semplicemente perché è il gruppo l’arma vincente di questa squadra. Se proprio dovessi indicare un nome, be’, non si può negare che Barella sia quello che ha fatto progressi più notevoli. Ha dimostrato temperamento, coraggio, voglia, fisicità. È impressionante.

Difficile dire dove può arrivare l’Italia, ma il cammino fin qui è stato davvero ottimo. Adesso però è il momento cruciale, quello della resa dei conti. Ci sono davvero nazionali più forti in assoluto e sarà un bel test. Ho visto un buon gruppo, un ottimo spirito di squadra, la sensazione è che questa Italia possa giocarsela con tutte e possa arrivare in alto. Non so dire quanto in alto, ma non ci sono limiti“.

La carica di Zola

Anche la leggenda Gianfranco Zola ha voluto dare il suo messaggio per gli azzurri: “L’Italia mi piace molto, la crescita nelle ultime stagioni è stata esponenziale. La 10 è in ottime mani, Insigne ha grande talento. Il punto di forza però è il centrocampo: poche squadre hanno la qualità e il dinamismo dell’Italia lì in mezzo. Mancini finora non ha sbagliato neanche un colpo. Il suo merito maggiore è stato ridare un gioco all’Italia“.

Leggi anche