Juventus

Calciomercato Juventus – La sfida al Milan che può valere lo scudetto

Juventus

La Juventus si prepara alla sfida di questa sera contro il Milan. I bianconeri dovranno vincere se vorranno continuare ad ambire al titolo

Questa sera la Juventus giocherà in trasferta contro il Milan capolista, una sfida che a fine anno potrebbe valere doppio. Se i sogni bianconeri sono quelli di vincere il decimo scudetto consecutivo, il primo sotto la guida del nuovo tecnico Andrea Pirlo, una vittoria è d’obbligo. D’altro canto la sconfitta, nonostante sia ancora presto per tirare le somme, rischia di far sprofondare in classifica la Vecchia Signora. I campioni d’Italia in caria non hanno ancora vinto uno scontro diretto: l’unico finora era legato alla vittoria a tavolino contro il Napoli per i fatti dell’ASL di qualche mese fa. Tuttavia i tre punti assegnati dalla giustizia sportiva sono stati revocati e l’incontro con i partenopei si giocherà.

L’ex numero ventuno di entrambe le squadre, ora tecnico della Juve, dovrà fare sicuramente a meno dei due esterni titolari: Alex Sandro e Juan Cuadrado. I due sudamericani sono stati trovati postivi al coronavirus. Ciò complica la sfida scudetto. Tuttavia anche il Milan avrà alcuni giocatori indisponibili: uno su tutti il grande ex di turno Zlatan Ibrahimovic. Da quando si è ripreso a giocare dopo l’emergenza sanitaria, quella rossonera è diventata a tutti gli effetti la squadra da battere. Se prima ambire al titolo sembrava impossibile, ora è il Diavolo il vero favorito. Secondo Alex Del Piero, che di sfide come questa ne ha vissute assai, la sfida tra Juventus e Milan è tornata quella di qualche anno fa: “Era la partita di sicuro, perché il Milan è stata la squadra di riferimento quando ero ragazzino: la squadra di Sacchi e poi di Capello che vinse in Europa in modo importante e che dettò un ciclo calcistico con i tre olandesi. Ho affrontato dei Milan straordinari in tutta la mia carriera, è stata una costante sfidarla una grande squadra. San Siro era tra gli stadi di riferimento a livello mondiale e lo è tuttora. Poi il Milan, insieme alla Juventus, mi voleva quando ero al Padova”.

Leggi anche