Juventus

Calciomercato Juventus – Le casse sorridono grazie allo sponsor

Juventus

La forza della Juventus nel calciomercato è dovuta anche alla sua solidità commerciale. Rinnovato un oneroso accordo con lo sponsor

Se la Juventus è una delle aziende italiane, e non solo tra le squadre di calcio, più solide che ci siano. Di recente il club bianconero ha firmato un accordo rinnovato con il suo attuale sponsor che porterà nelle proprie casse qualcosa come 135 milioni in tre anni. Praticamente così facendo, la Vecchia Signora potrà permettersi almeno un top player a stagione.

Ad annunciare il rinnovo con il gruppo Jeep, è stata la stessa Juventus attraverso il proprio portale online. Nelle ultime ore la dirigenza si è mobilitata per alcuni adeguamenti contrattuali. Il primo nome sulla lista dei rinnovi era ormai da tempo quello di Paulo Dybala. La società preferirebbe non perdere la Joya. All’argentino sono stati offerti circa dieci milioni a stagione. Di seguito le parole apparse sul sito bianconero:

“La Juventus comunica di aver raggiunto con FCA Italy S.p.A. l’accordo per il rinnovo della sponsorizzazione della maglia gara per le stagioni sportive 2021/22, 2022/23 e 2023/24. Tale accordo scaturisce dalla reciproca soddisfazione di una partnership di successo che accompagna Juventus ed il brand Jeep dalla stagione sportiva 2012/2013. L’accordo prevede un corrispettivo base per ciascuna stagione sportiva di 45 milioni di euro e componenti variabili in funzione dei risultati sportivi.”. È il comunicato stampa con cui il club bianconero annuncia Jeep come sponsor fino al 2024. Il comunicato prosegue: “Juventus e FCA sono parti correlate in quanto soggette a controllo da parte di EXOR N.V. L’operazione in oggetto, pur essendo ritenuta operazione ordinaria a condizioni equivalenti a quelle di mercato/standard, è stata sottoposta, ai sensi della procedura per operazioni con parti correlate adottata da Juventus, all’approvazione del Consiglio di Amministrazione di Juventus, previo motivato parere favorevole del Comitato per le operazioni con parti correlate. Costituendo operazione con parte correlata di maggior rilevanza, verrà pubblicato un documento informativo secondo i termini e le modalità previste dalle applicabili disposizioni normative e regolamentari”.

Leggi anche