Juventus

Ceccarini: “Paratici potrebbe utilizzare De Sciglio come jolly, ma il vero grande nodo è cosa farà alla fine l’Inter…”

Juventus

Il mercato raccontato dall’esperto di Mediaset. Una panoramica completa dei movimenti dell’ultim’ora, partendo ovviamente da Lukaku-Dybala.

TORINO – Questo Ceccherini nel suo editoriale per TMW: “Juventus e Manchester United sono d’accordo. Lo scambio Dybala-Lukaku è già tutto impostato, manca solo il si della Joya, una risposta che non dovrà arrivare oltre il week-end. Ma c’è di più, anche Mandzukic potrebbe finire al Manchester United. In casa bianconera si sta chiudendo un ciclo in attacco.

 Una rivoluzione che si dovrebbe concludere con la partenza di Higuain. Una situazione che potrebbe avvantaggiare decisamente il Napoli per Icardi. L’estate rovente della Juventus non è destinata a finire qua. Paratici ha ripreso a parlare concretamente con il City per Cancelo. Le difficoltà non mancano, ma stavolta la Juventus ha fatto capire di voler prendere in considerazione Danilo come contropartita. Il problema è la valutazione dell’esterno brasiliano: per il club inglese è di 30 milioni di euro. La sensazione è che si voglia trovare l’accordo. E quindi presto si potrebbe riproporre la coppia di laterali del Porto: Danilo appunto con Alex Sandro. Luca Pellegrini potrebbe finire in prestito al Cagliari e quindi a quel punto Paratici potrebbe utilizzare De Sciglio come jolly. Il vero grande nodo è cosa farà alla fine l’Inter. Marotta e Ausilio stanno valutando alcune opzioni per dare ad Antonio Conte il prima possibile una punta centrale. Nelle prossime ore i nerazzurri tenteranno intanto di chiudere Dzeko. Le distanze rispetto a prima si sono ridotte e davvero Vergani potrebbe essere la chiave giusta per mettere la parola fine a questa operazione. Edin può rappresentare un‘ottima soluzione ma non basta. L’Inter ha provato a sondare il terreno con il Paris Saint Germain per Cavani ma senza approfondire. L’obiettivo è non irrigidire il club francese ma la strada è in salita se si pensa che nella stessa estate non possono certo partire Neymar e il Matador. Anche perchè poi il Paris dovrebbe trovare una valida alternativa. Cavani è lusingato dall’interesse nerazzurro, ma fondamentalmente vuole aspettare la scadenza di contratto, decidendo a giugno dell’anno prossimo il suo futuro. L’Inter potrebbe garantirgli un triennale a 9 milioni a stagione e offrire 40-45 milioni al Paris ma al momento è tutto bloccato. Quindi la società nerazzurra deve percorrere un’altra strada, che potrebbe essere diversa. L’idea è quella di virare su un attaccante giovane ma con altre caratteristiche. E il nome è quello di Rebic, che l’Eintracht valuta 40 milioni di euro. Tra l’altro chi andrebbe a beneficiare di questa operazione è anche la Fiorentina che al momento della cessione si è assicurata il 50 per cento sulla futura rivendita. Il Milan intanto continua a lavorare per completare la rosa. Dopo Leao e Duarte, Boban e Maldini stanno cercando l’intesa con l’Atletico Madrid per Correa. Con il giocatore ormai ci siamo. Il problema è che l’Atletico vuole 50 milioni, il Milan è ancora fermo a 40 più bonus. La distanza non è incolmabile ma se dovesse arrivare a breve un’altra cessione, i rossoneri potrebbero andare a chiudere l’affare. I candidati a partire sono sempre gli stessi: Suso e Andrè Silva. Infine il Napoli. Giuntoli è sempre in pressing su James Rodriguez ma da qualche giorno ha ripreso quota anche la pista Lozano. In realtà con il Psv i contatti non si sono mai interrotti, si attendono sviluppi a breve. Nel mirino è entrato anche Zaha del Cristal Palace, ma la richiesta di oltre 60 milioni di euro viene giudicata eccessiva. Il vero colpo però in attacco alla fine potrebbe essere Icardi. E qui il Napoli ha le idee chiare. Come già ribadito, l’offerta non supererà i 50 milioni di euro. Da capire quale sarà eventualmente la risposta dell’Inter. In uscita restano sempre Verdi e Ounas. Il primo alla fine andrà al Torino per una cifra vicina ai 25 milioni di euro, per l’esterno algerino c’è sempre in corsa il Lille”.

Leggi anche