Juventus

Juventus, Bentancur: “Difficile ripartire senza tifosi. Ronaldo è un esempio”

Juventus

Le parole del centrocampista della Juventus, Rodrigo Bentancur

TORINO – Tra i calciatori della Juventus che pian piano si stanno certificando fuoriclasse non può non essere mezionato Rodrigo Bentancur. Il mediano uruguaiano è stato intervistato dal quotidiano La Stampa. Ecco come si è espresso.

LE PAROLE DI BENTANCUR – “Modelli? Non avevo riferimenti nel mio ruolo. In Uruguay il mio modello era Forlan, un attaccante. E per mestiere studiavo calciatori europei: Lampard, Gerrard e Busquets. Il mio arrivo alla Juve? Avevo saputo a dicembre, dal mio procuratore, che sarebbe stata esercitata l’opzione: sei mesi dopo ero a Torino e mi sembrava incredibile, ho avuto subito la sensazione di entrare in una grande famiglia e ho respirato la mentalità vincente del club. Allegri mi ha dato fiducia. Sarri conta su di me? Un orgoglio e una responsabilità, ma penso solo a lavorare: so bene di dover migliorare ancora molto”.

“Ripresa Serie A? Non sarà facile senza tifosi e il caldo si farà sentire, noi però ci stiamo allenando duramente e siamo pronti: la Juve vuole vincere sempre. La Coppa Italia è il primo traguardo della stagione: ci teniamo moltissimo. L’Inter? Può inserirsi, dopo uno stop così lungo. tutto è possibile: sarà favorito chi ritroverà più in fretta forma fisica e motivazioni. La Champions non è un’ossessione, è un sogno e un obiettivo. Sappiamo che è difficile, ma la Juve ha tutto per vincerla e non sentiamo particolari pressioni. Ronaldo? L’ho incontrato al Mondiale in Russia. L’ho salutato e lui mi ha detto ‘Ciao Rodrigo’. Non so come potesse conoscere il mio nome. Poche settimane dopo eravamo compagni alla Juventus: è un fuoriclasse e un esempio, ha una voglia di vincere incredibile”. Allegri al Psg cambia le strategie del mercato bianconero <<<VAI ALL’ARTICOLO

Leggi anche