Lazio

Lazio, Poli: “Non riprenderei Keita. Milinkovic? Non gli manca nulla”

Lazio

Le dichiarazioni dell’ex attaccante della Lazio, Fabio Poli

ROMA – Fabio Poli, ex attaccante della Lazio, rimarrà per sempre tra i calciatori più importanti della storia del club capitolino. Fu suo il gol contro il Campobasso nel 1987 che salvò la società biancoceleste dalla Serie C con conseguente fallimento. Ora sono invece tornati i tempi in cui la Lazio lotta per lo scudetto. Intanto ecco come Poli si è espresso sul club di Lotito a Lazio Style Radio.

LE PAROLE DI POLI – “Se il campionato riprendesse, basterebbero circa venti giorni di preparazione per consentire alle squadre di ritrovare il giusto ritmo. Il vero problema è trovare le modalità con le quali concludere la stagione sportiva. La Lazio cerca il quarto attaccante della rosa? Non prenderei un calciatore come Keita, non lo vedo più nel progetto biancoceleste. Il senegalese ha fatto bene alla Lazio, ma poi si è perso nel corso della sua carriera. Per affrontare competizioni importanti credo che l’idea migliore sia quella legata ad Olivier Giroud, è un nome che entusiasma anche il popolo. Stiamo parlando di un profilo di grande valore e di un campione del Mondo, porterebbe anche molta esperienza”.

E continua: “Ho grande fiducia nell’operato del club biancoceleste, e soprattutto in Igli Tare. Il direttore sportivo dei biancocelesti riesce a trovare sempre delle soluzioni importanti. Sergej Milinkovic è ancora molto giovane, deve ancora raggiungere il massimo del suo potenziale, ma ha dimostrato d’essere un calciatore di primo livello: al serbo non manca nulla, ha tecnica, classe e fisico. Inoltre, riesce anche ad aiutare la squadra in fase di non possesso . Il numero 21 dei biancocelesti deve solo trovare più continuità nel rendimento”. Tare ha in pugno il colpo alla Klose <<<VAI ALL’ARTICOLO

Leggi anche