Milan

Calciomercato Milan – Urla al telefono, poi il messaggio: “Date 12 milioni a Conte e poi…”

Milan

Retroscena raccontato da La Stampa sulla trattativa saltata tra Spalletti e il Milan. Ecco cosa sarebbe successo…

Calciomercato Milan –

Pioli è diventato il nuovo allenatore del Milan ma non senza difficoltà. L’ex allenatore biancoceleste è subentrato a Giampaolo, in un momento davvero molto delicato in casa rossonera. Fino all’ultimo, nel più classico fanta scommesse su chi sarebbe stato il nuovo tecnico del Milan, erano balzate in cima alla lista dei papabili le candidature di Allegri, ma soprattutto di Spalletti. Proprio l’ex Inter e Roma, infatti, sembrava ad un passo dalla panchina rossonera. Ma poi cosa è successo? L’ex tecnico dello Zenit, di fatti, resta senza panchina ma ancora stipendiato dall’Inter fino a giugno 2021. E salta fuori solo oggi un clamoroso retroscena rivelato da La Stampa in edicola oggi che spiega come tra il tecnico toscano e il club nerazzurro ci sia un contenzioso per la rescissione del contratto con tanto di buonuscita.

LA TELEFONATA – Sempre La Stampa riporta una chiamata avvenuta qualche giorno fa. Spalletti avrebbe urlato al telefono con Marotta: “Se date 12 milioni di euro a Conte, me ne dovete dare almeno 5”. Praticamente il doppio rispetto alle cifre percepite da Spalletti.  Il Corriere della Sera parla anche di un messaggio inviato da Spalletti a Steven Zhang. Nonostante l’affetto che lo lega all’allenatore toscano, il presidente nerazzurro avrebbe spiegato una scelta societaria irremovibile e che a Spalletti non gli sarebbe stato corrisposto un anno di stipendio per consentirgli di allenare il Milan. “Pagare sei mesi è elegante, oltre è da stupidi”.

IL MILAN  – Ed è per questo che è naufragata la pista rossonera. Il Milan – come presumibile – non se l’è sentita di coprire, al posto dei nerazzurri, i 3 milioni di euro rimanenti oltre all’ingaggio da 5 milioni netti all’anno e così l’accordo è saltato, all’ultimo secondo. Ma Spalletti e il Milan erano davvero vicinissimi. Ma torniamo al mercato in entrata. Dopo Piatek, il Milan ha avuto il sì in gran segreto. L’accordo negli uffici della società e la promessa per gennaio.

Leggi anche