Milan

Mercato Milan – Leao confermato per il prossimo anno. Si cerca Scamacca

Milan

Il portoghese è destinato a restare a Milano anche la prossima stagione. Maldini e Massara puntano l’attaccante del Sassuolo.

In attesa di capire quale sarà il destino del Milan in Superlega, si guarda al futuro. La squadra di Pioli deve confermarsi in campionato per raggiungere un piazzamento per la prossima Champions League. I rossoneri guardano già avanti in vista di cosa succederà la prossima stagione. Maldini e Massara, secondo quanto riferito dalla Gazzetta dello Sport, sembrano voler riconfermare Rafael Leao. Il giocatore, acquistato dal Lille per 23 milioni di euro nel 2019, ha attirato le lusinghe dei grandi club europei. Su di lui hanno preso informazioni Real Madrid e Manchester United. Assalti respinti al mittente visto che i due dirigenti rossoneri sono convinti che il prossimo anno sarà il suo.

Il Milan è comunque alla ricerca di un altro attaccante. A fine stagione rientreranno alla casa base diversi giocatori dai vari prestiti. Da qui l’interesse del Diavolo per Dusan Vlahovic che non rinnova con la Fiorentina. Anche Gianluca Scamacca, in prestito al Genoa ma di proprietà del Sassuolo, è nella lista dei sogni rossoneri. Per entrambi però c’è un grosso ostacolo: il prezzo inaccessibile. Il serbo in viola sembra orientato a voler rinnovare coi toscani. In caso non lo facesse, Commisso non vedrà nessuno per meno di 35 milioni di euro. Non è tanto diverso il discorso per il genoano.

Nei giorni scorso, l’AD degli emiliani Giovanni Carnevali, ha fissato il prezzo per Scamacca. Chiunque vorrà dialogare col Sassuolo non potrà farlo per meno di 40 milioni di euro. Cifre astronomiche che spaventano Gazidis e compagnia. Specialmente se non dovessero più arrivare gli introiti della Superlega garantiti da JP Morgan. Sono ore di riflessioni in via Aldo Rossi. Non è un mistero che il Milan, da un po’ di tempo a questa parte, non è più capace di poter spendere fior di milioni come un tempo. Si cercano soluzioni più economiche per consentire alla società milanese di portare avanti il periodo di crescita in cui si trova attualmente.

Leggi anche