Napoli

Calciomercato Napoli – Corbo: “Gattuso insiste per avere Immobile”

Napoli

Calciomercato Napoli – Il noto giornalista nel suo editoriale su La Repubblica spiega la situazione generale in casa partenopea

Il noto giornalista Antonio Corbo ha fotografato in un’editoriale su La Repubblica la situazione in casa Napoli delineando i punti cardine del futuro partenopeo: 1) Gattuso rimane al Napoli. È una certezza: il Napoli ricomincia da lui, determinato e scarno come un caporale dei marines. Il 30 aprile ha lasciato scadere la clausola che lo avrebbe liberato dal Napoli pagando una penale. Offerte ne aveva. Si trova bene qui, è grato per il sostegno del pubblico, ha una intesa perfetta con Cristiano e con il suo vice, Giuseppe Pompilio. S’intende anche con il presidente che gli riconosce molti pregi: una conduzione severa, grande applicazione, scelte nette anche se soffre per l’esclusione di Lozano e Meret. Rinnova per 1,4 milioni, salvo premio”.

Corbo aggiunge altri tre punti salienti: “2) Rimane Insigne. Non ha buon mercato e Gattuso gli ha consigliato di mollare Raiola, l’agente che gli faceva sognare i paradisi del calcio e intanto piazzava Lozano al Napoli. 

3) Cessione possibile di Koulibaly per non meno di 100 milioni, dopo un campionato perso. Allan che gioca ormai con la testa altrove. Milik che ha rifiutato il rinnovo. Cessioni tollerate perché Gattuso vuole un Napoli fluido, tecnico, forte nel palleggio con 4-3-3. Centrocampo con Fabian Ruiz, Demme, Zielinski. Con i soldi delle cessioni se il mercato non svilisce le quotazioni, Gattuso suggerisce un nome impossibile: Immobile. Anche Giuntoli sembra d’accordo. 4)Mertens. Si spende per lui Gattuso, che non considera Petagna un erede. Mertens, 33 anni, chiede ingaggio di quattro milioni, un bonus da definire e qualcosa in più. Il condono delle multe per chiudere una brutta storia: la rivolta del 5 novembre. Dettaglio gli manda sotto casa il primo taxi per l’aeroporto”. Intanto Cavani avrebbe il desiderio di tornare, ma la società partenopea non è convinta <<<VAI ALL’ARTICOLO

Leggi anche