Napoli

Calciomercato Napoli – Spalletti vicinissimo. Ma De Laurentiis voleva Allegri

Napoli

La Rai ha svelato il retroscena. L’arrivo di Luciano Spalletti è stato dettato dal rifiuto dell’ex juventino pronto al ritorno.

Calciomercato Napoli – Va via via assestandosi il valzer delle panchine. Anche all’ombra del Vesuvio, dopo la fiammata Conceiçao, ormai manca poco all’annuncio del nuovo allenatore. Con ogni probabilità, e secondo le voci di esperti e opinionisti del settore, sarà Luciano Spalletti. L’ex tecnico della Roma vedrà il suo contratto con l’Inter scadere alla fine del mese di giugno prossimo. Spalletti, dopo l’esonero coi nerazzurri, ha preferito prendersi un anno e mezzo di pausa per raccogliere le idee sul futuro. In tempi non sospetti, la Fiorentina ha provato a sondare il terreno per lui ma Luciano ha risposto negativamente al presidente Commisso.

Retroscena

Per forza di cose non poteva certo dire no anche ad Aurelio De Laurentiis. Il patron del Napoli ha offerto una cifra da capogiro a Spalletti per affidargli la panchina azzurra dopo l’addio di Gattuso emigrato in direzione Firenze. La trattativa va avanti da giorni, la chiusura è prevista a breve. Intanto la Rai ha riportato un retroscena abbastanza intrigante sulla questione. Secondo quanto emerso dagli studi di Via Teulada, il Napoli avrebbe puntato tutto su Massimiliano Allegri, offrendo all’ex tecnico bianconero la stessa cifra proposta a Spalletti. Il no dell’ex allenatore della Juventus, che forse si aspettava la chiamata dalla sua ex squadra, ha fatto saltare il banco.

Obiettivi

Con l’arrivo del toscano alla guida dei partenopei, l’obiettivo del Napoli è quello di ritornare in Champions League per la prossima stagione. Spalletti si è sempre dimostrato un allenatore da Europa. Sia durante il suo secondo corso alla Roma, che nel suo periodo in nerazzurro, il tecnico ha comunque centrato il suo obiettivo. A Napoli sono consapevoli che, in caso di un suo eventuale approdo, la squadra lotterà per raggiungere la zona europea. E chissà che il caos scoppiato in casa Inter non possa cambiare qualche carta per la corsa al vertice.

Leggi anche