Napoli

Mercato Napoli | Insigne gelo sul rinnovo: derby capitolino per lui

Napoli

Mentre la dirigenza partenopea prende tempo, quelle romane si scontrano per accaparrarsi il capitano azzurro

Euro2020 non è ancora entrato nel vivo e Lorenzo Insigne fa già sognare con grandi prestazione e gol da capogiro. Il capitano del Napoli è uno dei nomi più caldi del mercato, dato il momento magico, che sta vivendo in Nazionale e che spera di poter prolungare anche per tutto il corso del torneo. Con l’eurogol firmato in occasione del compimento dei suoi 30anni, il partenopeo ha certificato due detti in un colpo solo: non solo nelle botti piccole c’è il vino buono ma quello invecchiato rende ed è anche meglio!

Ecco allora che non si spiegano i tanti dubbi sulla sua permanenza a Napoli. Nonostante le difficoltà economiche e la mancata Champions; i campani non dovrebbero neanche pensare di poter fare a meno del loro capitano e di un attaccante così prolifico, piuttosto sarebbe il caso che si impegnassero a trattenerlo a qualunque prezzo.

Mercato: dopo Napoli c’è Roma?

Ad oggi, Insigne si ritrova col contratto in scadenza nel 2022, senza aver ricevuto alcuna chiamata da De Laurentiis per intavolare il discorso rinnovo. La dirigenza partenopea temporeggia, dopo il taglio al monte ingaggi, cercando di studiare delle valide alternative per il futuro con il nuovo tecnico Luciano Spalletti.

Il numero 10 percepisce attualmente 4,5 mln all’anno e vorrebbe rinnovare a 5 milioni per un quinquennale, sottintendendo un giuramento di fedeltà per la vita al suo Napoli. Ma sembra che, ad oggi, non ci siano i presupposti; non è detto però che De Laurentiis non lo convincerà a restare per una cifra minore.

Mentre si attendono nuovi sviluppi, fuori dalle porte della società azzurra ci sono gli emissari della Lazio, che vorrebbe fare a Sarri un dono di benvenuto.  Ma Lotito, si sa, non è uno che arricchisce i suoi calciatori; ecco perché sembra più calda la pista giallorossa, con i Friedkin pronti a fare un grosso investimento sul mercato e ad aumentare il monte ingaggi, soddisfacendo le richieste di tutti.

Leggi anche