Notizie Juve

Sara Gama: “Calcio femminile muta l’atteggiamento della società”

0 commenti

Il capitano della Juventus Women Sara Gama ha parlato a La Gazzetta dello Sport.

“Credo che il fatto che il calcio femminile possa acquisire importanza è qualcosa che cambia proprio la società, è un fatto culturale e sociale importante. In Italia parte del potere sta anche nel calcio che attraversa la vita di ogni italiano e quindi segnare lì questo tipo di passaggio vuol dire che sta cambiando e vuol dire cambiare qualcosa di profondo nella società. Un altro muro crolla, ed è sempre un fatto positivo. La percezione degli adulti, dei genitori sta evolvendo perché squadre come la Juventus, la Fiorentina, il Milan sono entrate nel calcio femminile. Questo muta radicalmente l’atteggiamento diffuso. È come se oggi il nostro movimento avesse la legittimazione che prima gli era negata. Stiamo vivendo un momento decisivo di crescita, quello in cui inizia un reale sviluppo anche se la distanza tra la residenza delle ragazze e i campi delle squadre femminili rimane un grosso problema e anche il numero delle squadre. È vero che i grandi club hanno tutta la filiera, comprese le squadre per le bambine più piccole, ma è vero anche che in provincia sono morte tante, troppe, piccole società. Il movimento ora sembra essere cresciuto in testa ma deve rafforzare radici ed estensione. I cori razzisti a Koulibaly? Nel nostro calcio non succedono cose così. Per quanto riguarda quello maschile io credo che i responsabili di questi comportamenti andrebbero individuati prima e si dovrebbero impedire prima questi fenomeni. Se non li si argina, questi fenomeni rischiano di diffondersi. C’è intolleranza, crescente. Il razzismo è uno dei virus dell’intolleranza”.