Notizie Sampdoria

Kownacki: “Parliamoci chiaramente: sono veramente stufo”

di A.a

Dawid Kownacki​​​​​​ ha rilasciato delle parole riportate da Sampdorianews.net.

Ecco le sue dichiarazioni: “Parliamoci chiaramente: sono veramente stufo! Ne ho abbastanza del comportamento della Sampdoria! Sono sempre più arrabbiato, il tempo vola e ancora non so quale sarà il mio futuro. Non voglio restare qui, voglio andarmene! E non voglio più tornare, voglio chiudere questo capitolo una volta per tutte. Dopo la prima stagione ero ottimista. La Serie A era qualcosa di nuovo per me, quindi sapevo che ci voleva un po’di tempo per acclimatarsi. Ho comunque avuto una stagione molto bella: cinque gol in Serie A e tre gol in Coppa Italia, è stato molto promettente come inizio. Poi sono andato ai campionati del mondo, ho giocato con loro ed ero ottimista. Ma una volta tornato al club la situazione ha cominciato a deteriorarsi. Non capisco perché, nessuno mi ha spiegato nulla. Quanti minuti ho avuto in questa stagione? Poco più di 150! Sono niente! Non una volta nella formazione titolare in campionato. In questa situazione, già prima dell’inverno, ho detto al manager che volevo cambiare club.

Il 6 gennaio sono tornato al club e le proposte hanno iniziato ad apparire. Il Fortuna Duesseldorf è arrivato molto rapidamente. I tedeschi hanno dimostrato di avermi davvero a cuore. Hanno presentato un piano di sviluppo, hanno creduto in me e questo è ciò che mi mancava nel presente alla Sampdoria. Inoltre il Fortuna è pronto per un gigantesco sforzo finanziario per comprarmi dalla Sampdoria. I tedeschi non sono un club ricco ma vogliono fare un’eccezione e spendere molto su di me.

Vera la clausola dei 12 milioni. Dopo lunghe trattative i club hanno concordato che il prestito sarà gratuito e, dopo la stagione, se i tedeschi lo vogliono mi compreranno per 12 milioni di euro. Ma in queste conversazioni qualcosa è cambiato da parte della Sampdoria, a volte sembrava si chiudesse e poi si era di nuovo molto lontani. E quando, alla fine, sembrava che nulla sarebbe cambiato e le condizioni erano state stabilite, Caprari, uno degli attaccanti della Sampdoria, si è rotto una gamba in allenamento. Ora è di nuovo in dubbio la mia partenza, perché la Sampdoria al mio posto avrebbe dovuto portare un nuovo attaccante che avrebbe dovuto imparare le tattiche e così via. Io sono sprofondato, perché davvero non voglio restare qui. Dopo aver comprato Gabbiaddini ero l’attaccante numero cinque. Numero cinque! Ora con l’infortunio di Caprari sono il numero quattro e dovrei aspettare comunque due infortuni da altri attaccanti per entrare nei titolari. Non voglio questo, voglio che sia una competizione salutare, così da poter emergere durante l’allenamento. Ma cosa posso dire, se non ho giocato l’ultima volta con la mia squadra, mi sono allenato individualmente. Questo è il modo di parlare della concorrenza qui? Non mi sento peggiore degli altri, sono un giocatore di calcio troppo buono per sedermi in panchina per i prossimi sei mesi.

Nella fase successiva la Sampdoria non voleva prendermi in prestito gratuitamente: chiedeva al Fortuna mezzo milione di euro per il prestito e i citati 12 milioni di euro per il riscatto. I tedeschi ancora una volta hanno detto ok. Ero sicuro che nulla sarebbe cambiato. Bene, ma oggi torno dall’allenamento e sento che è cambiato di nuovo! Che gli italiani vogliono stipulare un contratto che permetta loro di controllare il mio futuro. E se non lo volessi? Voglio andarmene per sempre!

I giornalisti italiani hanno detto che la Sampdoria preferirebbe che andassi a Cagliari o Empoli?  Esatto. Ogni tanto il club cerca di spingermi, sia a Cagliari che a Empoli. Sento dire: forse lì, forse là. Ma io non voglio andare lì o là! Questa è la mia carriera, la mia vita. Capisco che sono un giocatore della Sampdoria, ho un contratto importante, ma ripeto: ho una vita, una carriera davanti. E voglio avere un’influenza decisiva sul mio futuro.

La mia partner è incinta? Sì e stava per tornare da me, ma l’ho ripresa perché non so cosa succederà. Questa situazione è molto stressante per me, ma anche per lei. E alla fine della gravidanza e non dovrebbe essere nervosa. Abbiamo deciso di darlo alla luce a Poznan. La famiglia è una questione importante, io ci sono cresciuto, come si dice ci sono questioni importanti e più importanti. Ecco perché, tra le altre cose, voglio andare in Germania, perché è un posto molto più vicino a Poznań. Come potrò arrivare a Poznań da Cagliari o dalla Sardegna? Non c’è una connessione diretta. E dalla Germania, anche dopo la partita, potrei muovermi velocemente. Questo è anche molto importante per me. Ecco perché voglio scegliere bene. In questo momento, Dusseldorf è il posto migliore per me.

Se non mi lasciano andare dovrò passare l’estate qui. Per me stare alla Sampdoria ha da tempo cessato di essere un piacere. Ma spero ancora di poter andare via da Genova.”

Privacy | Cookies