Roma

News Roma – Ufficiale: Maurizio Costanzo nuovo responsabile della comunicazione

Roma

Il celebre conduttore televisivo curerà la comunicazione del club capitolino. È la sua prima esperienza nel calcio.

News Roma – I Friedkin si dimostrano nuovamente come una proprietà innovativa e misteriosa. I due imprenditori texani, padre e figlio, si sono resi già protagonisti del capolavoro che porterà a Roma il tecnico José Mourinho. È arrivato ora un nuovo colpo a sorpresa che riguarderà il reparto mediatico. Il celebre conduttore Maurizio Costanzo si occuperà infatti di curare le strategie di comunicazione della Roma. 83 anni, romano e romanista, questa sarà la sua prima esperienza nel mondo del calcio. Dopo tanti programmi televisivi, sia condotti che creati, Costanzo è pronto a buttarsi nel mondo del calcio su richiesta dei Friedkin.

Precedenti

È la prima volta che un personaggio del calibro di Maurizio Costanzo, o di un qualunque conduttore televisivo di grande importanza, sia chiamato a guidare la comunicazione di un club calcistico. In precedenza, il creatore e conduttore di Bontà Loro aveva curato la comunicazione dello storico capitano della Roma Francesco Totti. I due sono molto amici e si conoscono da tanti anni. Totti è stato spesso ospite di Costanzo nei suoi programmi televisivi in cui si è raccontato come calciatore ma, soprattutto, come uomo. E chissà che l’ingaggio del conduttore non comporterà anche un ritorno di Totti nella dirigenza giallorossa.

“Roma e i romani”

Ad annunciare l’incarico non è stata la società giallorossa, bensì lo stesso Costanzo con una nota sul suo sito. “Ho firmato un accordo con l’AS Roma come responsabile di strategie della comunicazione. Darò il mio contributo per spiegare bene Roma e i romani e per cercare di ricostruire il clima di amore con i tifosi verso la Roma. È bello fare di una passione una professione” ha scritto il conduttore. La sua strategia sarà quella di trasformare i difetti della squadra in un rafforzamento. La stessa tattica che ha usufruito per far crescere l’immagine di Totti grazie all’autoironia e ai suoi libri di barzellette da migliaia di copie.

Leggi anche