Roma

Osvaldo intervista a cuore aperto: “Pensano che io sia pazzo ma io sono felice…”

Roma

Una volta appesi gli scarpini al chiodo, generalmente, rimangono legati al mondo del calcio: allenatori, direttori sportivi. In altri casi, invece, cambiano totalmente la loro vita.  E’ il caso di Pablo Daniel Osvaldo che oggi, all’età di 32 anni, ricopre il ruolo di frontman dei Barrio Viejo (band formata con un gruppo di amici musicisti).

“Avevo 30 anni quando ho lasciato il calcio – ha detto Osvaldo intervistato dal Sun -, e la gente ancora non capito la mia scelta. Mi guardano come se fossi pazzo. Mi chiedono il perché io abbia rinunciato a giocare nelle migliori squadre del mondo, ma non capiscono che questa è la mia vera passione”.  Osvaldo ha poi parlato della sua esperienza nel mondo del calcio: “Nel pallone ci sono così tante regole, io non sono abituato, mi devo sentire libero. Sono orgoglioso della mia carriera e devo tutto al calcio, ma proprio nel calcio devi vivere una vita che non è reale. Essere valutati ed avere un prezzo d’acquisto è una cosa pazzesca: se sei bravo vali 50 milioni, se fallisci non vali niente. Non importa a nessuno se sei un bravo ragazzo, se hai un sentimento. Quella vita non mi piaceva, ero stanco, stavo impazzendo e ho deciso di vivere la vita del musicista. Non ho rimpianti, adesso mi sento libero e rilassato. Insomma, sono felice”.

Leggi anche