spezia

Calciomercato Spezia | Giulio Maggiore apre all’addio

spezia

Il capitano della società ligure, dopo una vita nello stesso club, si sente pronto per un’avventura a grandi livelli

Brutto colpo in casa Spezia: il suo capitano vorrebbe andare via nella prossima finestra di calciomercato. Giulio Maggiore nato e cresciuto nella società ligure sente la necessità di cambiare aria; trascinatore dei bianconeri prima in serie B e poi in A, dopo aver  ottenuto una promozione storica e una salvezza importantissima, è pronto a salutare.

Recentemente intervistato da Tuttosport,  il centrocampista della Nazionale Under 21 ha commentato la sua carriera allo Spezia e le voci su un suo ipotetico futuro. Il giocatore simbolo degli Aquilotti è già l’oggetto del desiderio di diversi club, Roma e Atalanta su tutti. 

Calciomercato: lo Spezia perde il “suo Totti”

Durante la chiacchierata col calciatore, il giornalista di TuttoSport non ha mancato di azzardare un paragone con l’intramontabile numero 10 giallorosso: “Io il Totti della Roma? Sì, ci ho pensato. Rimanere allo Spezia a lungo e fare un po’ come ha fatto Totti alla Roma, diventare un simbolo. Io però ho dato tanto, e ci sono momenti in cui devi fare delle scelte. Non so ancora cosa succederà, ma di certo se partirò, potrò solo ringraziare chi ha creduto in me davvero“.

Nel corso dell’intervista è intervenuto anche in favore della sua compagine, elogiando le doti di mister e compagni: “Indipendentemente da me, una squadra che farà bene, che ha assorbito la massima categoria, che si è adattata veloce, e con un tecnico che sa ragionare calcio sempre. Tipo impossibile, non puoi dialogare con lui se non di calcio, parla solo di quello“.

Il futuro di Maggiore non è ancora deciso, lo Spezia dovrà prepararsi bene per la prossima sessione di calciomercato, dove dovrà trattare: prima con l’Atalanta, che segue il giovane classe 1998 da due anni; poi con la Roma di Mourinho, che lo ha selezionato per la sua rosa. Per ora la valutazione del calciatore si aggira intorno ai 10 milioni di euro, chissà che non salga a mercato inoltrato.

Leggi anche